1 dicembre 2014

Newsletter SICILIAMIGRANTI – novembre 2014

Indice

  • DUE NOVEMBRE: RICORDARE LE
    VITTIME E CONTINUARE A MOBILITARSI
  • L’ODISSEA CONTINUA DEI
    MIGRANTI IN ARRIVO: ANCORA ALLARMANTE LA SITUAZIONE DELL’ACCOGLIENZA IN TUTTA
    L’ISOLA
  • NUOVI NAUFRAGI E SBARCHI.
    PER TROPPI E’ SEMPRE SOLO “EMERGENZA”
  • LA GRAVISSIMA SITUAZIONE
    DEI MINORI NON ACCOMPAGNATI: L’INEFFICIENZA DELL’ORGANIZZAZIONE CHE SI
    TRASFORMA IN VIOLENZA
  • OSSERVATORIO RAZZISMO:LA
    PERICOLOSA DIFFUSIONE DI PREGIUDIZI E XENOFOBIA
  • INFO E CONTATTI

DUE NOVEMBRE: RICORDARE LE VITTIME E
CONTINUARE A MOBILITARSI

La
giornata del 2 novembre come occasione per
mantenere viva la memoria di tutti i defunti. Occasione per non
dimenticare chi non riesce a terminare il suo viaggio ed attivarsi ancora di
più nei confronti di chi parte e arriva oggi.

http://www.borderlinesicilia.org/2014/11/02/oggi-2-novembre-ricordiamo-qui-a/

L’ODISSEA
CONTINUA DEI MIGRANTI IN ARRIVO:ANCORA ALLARMANTE LA SITUAZIONE
DELL’ACCOGLIENZA IN TUTTA L’ISOLA

A
Catania, decine di migranti appena sbarcati, rimangono per settimane nella
struttura sportiva del Palaspedini. Una delegazione di parlamentari in visita
invoca l’intervento della Prefettura

http://siciliamigranti.blogspot.it/2014/11/catania-sopralluogo-al-palaspedini.html#more

mentre
attivisti operanti sul territorio denunciano da mesi l’inesistenza di un
coordinamento tra le prefetture e denunciano le condizioni inaccettabili in cui
questi migranti vengono abbandonati

http://www.borderlinesicilia.org/2014/11/02/palaspedini-catania-la-vergognosa/

Anche al centro Umberto I di Siracusa,
la convivenza di migranti che si trovano in fasi diverse della loro procedura
per richiesta di documenti, non permette spesso di strutturare un percorso di
inserimento adueguato,specialmente per chi è in Italia da mesi

http://www.borderlinesicilia.org/2014/11/07/il-centro-di-accoglienza-umberto-i-di/

NUOVI
NAUFRAGI E SBARCHI, PER TROPPI E’ SEMPRE SOLO “EMERGENZA”

Intanto
chi cerca una via di fuga trova spesso ancora la morte in mare. E’ del 31
ottobre la notizia dell’ennesimo naufragio di un barcone al largo delle coste
libiche.Alcuni superstiti sbarcano a Pozzallo al limite della sopravvivenza

http://www.borderlinesicilia.org/2014/11/03/89-superstiti-arrivano-pozzallo/

e
molti altri profughi li seguono nei giorni successivi, arrivando anche a Porto
Empedocle ed Augusta. Trasferimenti, respingimenti e sistemazioni precarie, in
centri dove dovrebbero trattenersi solo per le prime operazioni di identificazione,
ma finiscono per sostarvi intere settimane

http://www.borderlinesicilia.org/2014/11/20/minori-migranti-al-cpsa-di-pozzallo/

Molto
critica rimane la situazione della prima e seconda accoglienza anche a Trapani.Nonostante
le promesse di nuove strutture, la mancanza di un sistema di accoglienza
strutturato, con ruoli e responsabilità definite, si manifesta dalla prima
assistenza in banchina ai migranti ripercuotendosi in tutto il loro percorso successivo,
in una continua violazione delle principali garanzie e diritti.

http://siciliamigranti.blogspot.it/2014/11/accoglienza-zoppa.html#more

E
ancora oggi, la principale giustificazione data dagli attori istituzionali e
non, a tutto ciò, è il perenne “stato di emergenza”

http://siciliamigranti.blogspot.it/2014/11/centinaia-di-migranti-continuano-ad.html#more

LA
GRAVISSIMA SITUAZIONE DEI MINORI NON ACCOMPAGNATI: L’INEFFICIENZA
DELL’ORGANIZZAZIONE CHE SI TRASFORMA IN VIOLENZA

E’ancora
molto critica la situazione dei minori migranti. Gia’ da quest’estate il sistema
di accoglienza si è rivelato improvvisato e spesso inesistente, costringendo
giovani ragazzi a rimanere in sospeso tra continui trasferimenti e attese

http://www.borderlinesicilia.org/2014/11/10/bambini-migranti-trattati-come-pacchi/

In
molti casi non vengono garantite le tutele previste dalla legge e si lasciano
ragazzi giovanissimi, e spesso quindi più vulnerabili, abbandonati a sè stessi.
Pratiche gestionali che si trasformano in oppressioni quotidiane e violenza
strutturale nei confronti di chi non ha voce.

http://siciliamigranti.blogspot.it/2014/11/a-minor-ragione.html#more

Ad
Augusta vengono chiuse le ex scuole Verdi, l’edificio fatiscente dove da aprile
vivevano un centinaio di minori in totale precarietà. Ma anche il loro
trasferimento in una nuova struttura non elimina le attese imputate all’ “emergenza”

http://www.borderlinesicilia.org/2014/11/07/visita-al-centro-le-zagare-di-melilli/

OSSERVATORIO
RAZZISMO: LA PERICOLOSA DIFFUSIONE DI PREGIUDIZI E XENOFOBIA

Il
radicamento di pregiudizi e idee razziste rimane purtroppo diffuso anche tra
chi è deputato all’ “accoglienza” ed al dialogo con i migranti, mettendo
seriamente a rischio in alcuni casi la loro possibilità di essere tutelati. Ne
è un esempio la situazione vissuta in un centro di prima accoglienza del
trapanese

http://siciliamigranti.blogspot.it/2014/11/pregiudizi-che-respingono.html#more

Un
clima di ostilità fomentanto spesso da cittadini pronti a strumentalizzare il
fenomeno migratorio per evitare di affrontare le vere cause della “crisi”, ed
in grado di condizionare pesantemente l’opinione pubblica con feroci campagne
mediatiche e non. Succede a Scicli, dove un movimento locale raccoglie ben 700
firme contro l’apertura del centro Meditteranean Hope, un progetto di
accoglienza e solidarietà promosso dalle Chiese Valdesi e Metodiste

http://www.borderlinesicilia.org/2014/11/17/apre-scicli-il-centro-daccoglienza/

Info e
Contatti

Per informazioni sulle modalità di donazione del tuo 5×1000
a Borderline Sicilia Onlus

cod. fisc. 90021510889 e sugli
aggiornamenti sulla migrazione in Sicilia visita il blog

www.siciliamigranti.blogspot.com o seguici su
facebook alla pagina

www.facebook.com/borderlinesicilia.onlus

I nostri
blog

www.sicliamigranti.blogspot.com → in
lingua italiana

www.siciliamigrants.blogspot.com → in
lingua tedesca

www.migrantsicily.blogspot.com → in lingua inglese

Ci scusiamo sin da adesso se ricevi la stessa e-mail più
di una volta. Se non desideri più

ricevere la nostra Newsletter mensile o per eventuali
problemi di ricezione scrivi a :

[email protected]