13 febbraio 2017

Newsletter SICILIAMIGRANTI – Gennaio 2017

  • Azioni di polizia, repressione e stragi quotidiane: l’Europa continua ad innalzare muri contro i migranti
  • Gli invisibili di Campobello di Mazara, tra sfruttamento, degrado e abbandono
  • Sicilia orientale: l’accoglienza dei minori stranieri nelle tendopoli, negli hotspot e nei CAS
  • News: Pozzallo, Comune usava per sé i soldi per i migranti. Dai lavori nella palestra agli straordinari da pagare
  • Info e contatti

AZIONI DI POLIZIA, REPRESSIONE E STRAGI QUOTIDIANE: L’EUROPA CONTINUA AD INNALZARE MURI CONTRO I MIGRANTI

L’anno 2016 è stato segnato da numeri impressionanti per quanto riguarda i morti in mare: più di 5000 persone hanno perso la vita durante la traversata del Canale di Sicilia. I dati ufficiali, però, non tengono conto del numero dei dispersi e delle numerose vittime che la Fortezza Europa fa anche dopo il mare, tra coloro che sono riusciti ad arrivare incolumi oltre le sue frontiere. E non si intravede alcuna volontà politica di fermare questa strage infinita. Anzi, per il 2017, l’Italia punta sull’apertura di nuovi CIE.

http://www.borderlinesicilia.org/2017/01/01/non-perdiamo-la-speranza-e-la-forza-di/

Il 14 gennaio a Lampedusa sbarcano 250 persone. L’hotspot di contrada Imbriacola torna a riempirsi, contando 350 ospiti, tra uomini, donne e minori. Sull’isola arrivano anche tre salme. Lo stesso giorno, arriva la notizia del naufragio di un barcone al largo della Libia. Vengono recuperati 8 cadaveri, ma i 4 superstiti raccontano di 190 persone – eritrei ed etiopi – inghiottite dal mare e destinate ad accrescere il silenzioso esercito dei senza nome, i desaparecidos del Mediterraneo.

http://www.borderlinesicilia.org/2017/01/20/lampedusa-conta-i-morti/

http://www.borderlinesicilia.org/2017/01/24/signora-mi-dispiace-ma-devo-confermare/

In Italia controllo, selezione e repressione prendono il posto della buona accoglienza, dell’integrazione e del rispetto dei diritti dei più deboli. Dietro ai numeri di rimpatri, espulsioni e detenzioni ci sono persone giudicate sulla base della loro provenienza e non della loro storia individuale.

http://www.borderlinesicilia.org/2017/01/23/morire-di-frontiera-controllo-e/

GLI INVISIBILI DI CAMPOBELLO DI MAZARA, TRA SFRUTTAMENTO, DEGRADO E ABBANDONO

Nell’accampamento vicino all’ex oleificio confiscato alla mafia dimorano circa 80 persone, di origine africana, che hanno lavorato alla raccolta delle olive e aspettano di essere chiamati per la raccolta dei mandarini. Alloggiate in aperta campagna, tra casolari fatiscenti privi di porte e delle casupole di legno e teli di plastica realizzate da loro stessi, vivono senza acqua, luce e servizi igienici.

http://www.borderlinesicilia.org/2017/01/13/invisibili-buoni-da-sfruttare/

SICILIA ORIENTALE: LA MALA ACCOGLIENZA DEI MINORI NELLE TENDOPOLI, NEGLI HOTSPOT E NEI CAS

Nel 2016 sono circa 24.000 i minori non accompagnati giunti in Italia, che continuano ad essere sottoposti a trattamenti illegittimi, inumani e degradanti. Come succede a Pozzallo, Catania, Messina e ad Augusta, dove i minori che sbarcano sono lasciati per settimane nella tendopoli del porto. Privi di assistenza medica, materiale e psicologica e stipati nelle tende anche in inverno, vivono in promiscuità con adulti, donne e famiglie, a volte senza coperte e vestiti a sufficienza.

http://www.borderlinesicilia.org/2017/01/05/minori-in-tendopoli-e-hotspot-i-casi-di/

NEWS: POZZALLO, COMUNE USAVA PER SÉ I SOLDI PER I MIGRANTI. DAI LAVORI NELLA PALESTRA AGLI STRAORDINARI DA PAGARE

I soldi per i migranti usati per sistemare la palestra, riparare i mezzi del Comune e pagare gli straordinari del personale. A Pozzallo sei dipendenti comunali sono stati rinviati a giudizio per aver utilizzato i fondi destinati all’accoglienza per finalità che nulla avevano a che vedere con l’assistenza ai migranti e la gestione dell’hotspot.

http://siciliamigranti.blogspot.it/2017/01/pozzallo-comune-usava-per-se-soldi-per.html?spref=fb

INFO E CONTATTI

Per informazioni sulle modalità di donazione a Borderline Sicilia Onlus – Banca Etica Popolare di Palermo Agenzia di Via Catania, 24 IBAN IT 28 Q 0501804600000000141148 Codice BIC CCRTIT2T84A – e sugli aggiornamenti sulla migrazione in Sicilia visita il blog

www.siciliamigranti.blogspot.com o seguici su Facebook alla pagina

www.facebook.com/Borderline-Sicilia-ONLUS-1145159495525466/

I nostri blog

www.siciliamigranti.blogspot.com → in lingua italiana

www.siciliamigrants.blogspot.com→ in lingua tedesca

www.migrantsicily.blogspot.com → in lingua inglese

Ci scusiamo sin da adesso se ricevi la stessa e-mail più di una volta. Se non desideri più ricevere la nostra Newsletter mensile o per eventuali problemi di ricezione scrivi a:

[email protected]