30 agosto 2017

Migranti, racconto dell’inferno libico: “Venduti come schiavi, picchiati e poi costretti a imbarcarci”

Repubblica.it – Lunghi mesi di violenze e soprusi in una condizione di schiavitù senza alcun contatto con organismi internazionali fino alla partenza coatta per le coste italiane: hanno questo in comune i racconti di tre africani approdati sulle coste italiane nei mesi precedenti all’estate e ora assistiti all’interno del progetto OpenEurope di Oxfam, Borderline Sicilia e Diaconia Valdese.

Uno degli intervistati ci racconta dell’assoluta arbitrarietà a cui i migranti ‘neri’ sono sottoposti in Libia: “Ci bagnavano per filmarci e mandare il video all’Unione Europea (ma è probabile che il ragazzo si confonda con UNHCR o altro organismo, ndr) per fargli credere che ci avevano soccorsi in mare. E ci minacciavano che se provavamo a parlare a quelli dell’Unione Europea ci avrebbero ammazzati, e così è successo ad un ragazzo sudanese, picchiato a morte per aver osato parlare”.

Il video di Fabio Butera e Filippo Marranconi.

Print Friendly, PDF & Email