29 settembre 2014

“Kayak per il diritto alla vita” approda al Bruxelles: la conferenza stampa presso il Parlamento europeo

La conferenza stampa per l’arrivo di “Kayakper il dirittoalla vita” si terrà mercoledì 1 ottobre alle ore 12.30 presso il parlamento
Europeo nella Sala Anna Politkovskaya (PHS 0A50). Si riporta di seguito il comunicato stampa dell’iniziativa.

“Commissario Avramopoulos: il Mediterraneo non è un cimitero, l’Europa
deve ripensare la sua politica di i…mmigrazione!”

Dall’inizio del 2014, almeno 3.000 persone sono morte nel Mare
Mediterraneo, e questo numero è calcolato contando i corpi ritrovati. E sono già quattro volte in più rispetto al 2013,
sei volte più che nel 2012,e due volte più che nel 2011 -. L’anno delle
“primavere arabe”. Così, dal 1988, più di 21.000 persone sono
scomparse. Le persone che fanno la traversata a rischio della loro vita sono
sovente dei rifugiati richiedenti asilo che fuggono dalle persecuzioni nel loro
paese, ed i primi paesi di transito sono la Grecia, la Spagna e l’Italia.

In questi ultimi anni, l’Europa ha essenzialmente demandato le politiche
migratorie europee ai paesi a sud del Mediterraneo, senza darsi la pena di
lottare contro la tratta degli esseri umani alla fonte.

Di fronte alla trasformazione del Mar Mediterraneo in un cimitero marino l’UE
deve rivedere urgentemente la sua politica migratoria per mettere fine a queste
tragedie che non lascia più nessuno indifferente. È da un anno che, a seguito
dei naufragi di ottobre 2013 al largo dell’isola di Lampedusa, l’Italia ha
istituito “Mare Nostrum” operazione militare temporanea per porre fine alla
carneficina,o almeno per mettere un laccio emostatico a quest’emorragia. In
parallelo, l’agenzia europea Frontex pattuglia nelle stesse acque che
corrispondono al suo mandato di controllore delle frontiere: monitorando,
rilevando e intercettando le imbarcazoni indesiderate. Frontex interviene poco
o niente nell’ambito dei salvataggi delegando gli interventi ai servizi
nazionali di soccorso. Sono nate anche delle iniziative private per compensare
la mancanza di una risposta adeguata da parte delle nazioni, come ad esempio la
“Migrant Offshore Aid Station” finanziato da dei filantropi.

Dietro queste tragedie si cela l’attuazione delle attuali politiche migratorie
europee che rendono pericoloso l’accesso al territorio europeo e favoriscono lo
sviluppo di organizzazioni criminali che traggono profitto dalla difficile
situazione delle persone che migrano. Criminali che in qualche caso si
appropriano dei centri di detenzione per approfittare dei generosi sussidi
offerti dall’Unione europea riferendo un maggior numero di rifugiati. Altri
approfittano di questa manodopera schiava, visto che i diritti fondamentali non
sono garantiti dagli Stati membri, facendola lavorare in condizioni spaventose
per salari miserevoli. Detenuti in condizioni che mirano a far loro passare il
desiderio di tornare, i migranti crollano e le rivolte sono più numerosi ogni
giorno.

Dopo aver esaurito ogni possibile uso sicuro della lotta contro l’immigrazione
clandestina e aver permesso l’arricchimento della criminalità organizzata,
l’Europa deve risolvere l’inevitabile: rivedere la sua politica migratoria,
ponendo fine a questa tragedia umana: perchè più mettiamo barriere
all’immigrazione legale e più spingiamo queti disperati a correre rischi
mortali, che nessuno di noi può sostenere.”

Alla luce di quanto precede, in conferenza stampa, avremo la presenza di un
semplice cittadino europeo che ha assistito ai massicci sbarchi di migranti a
Lampedusa nel 2011 e ha trascorso un anno su questa isola in qualità di
osservatore. Questo viaggio lo ha portato a fondare il movimento cittadino
“Kayak per il diritto alla vita” ed eseguire un odissea di 3 anni su
un kayak da mare (rischiando la vita) dalla Tunisia a Bruxelles toccando le
isole di Lampedusa e di Malta. Più di 3.700 km durante i quali non ha mai
smesso di arricchire la propria indagine e di sensibilizzare la politica, le
associazioni e i cittadini alla reale situazione dell’immigrazione in Europa.
Nel corso del suo viaggio, ha portato il seguente messaggio: « Per salvare la
vita dei migranti e perchè l’immigrazione sia utile anche a noi, abbiamo
bisogno di un cambiamento nelle leggi relative all’immigrazione del nostro
continente. Abbiamo anche bisogno di riprendere il controllo dei fondi pubblici
assegnati ad esso ». Per far ciò, egli è giunto alla conclusione che l’Europa
abbia bisogno di una Organizzazione per la Gestione dell’Immigrazione e delle
Domande di Asilo (OGIDA). Questa dovrebbe prendersi carico della gestione dei
flussi migratori in tutta Europa e dei centri di detenzione, consentendo una
migliore tutela dei diritti umani. I miliardi di euro così recuperati (non
deviati e non sprecati) potrebbero essere reinvestiti in programmi di cui
beneficino i paesi da cui provengono gli immigrati.

Partecipanti:

– Michèle Rivasi (FR), eurodeputato Verdi-ALE, Vice-Presidente dell’Assemblea
parlamentare paritaria ACP-UE

– Alexandre Georges, cittadino europeo e fondatore del movimento “Kayak
per il diritto alla vita”

– Cécile Kyenge (IT), eurodeputata socialista, ex-ministro per l’Integrazione,
membro della Commission LIBE

– Laura Ferrara (IT), eurodeputata EFDD (Movimento 5 stelle), membro della
Commissione LIBE e DROI

– Marie-Christine Vergiat (FR), eurodeputata GUE, membro della Commissione
AFET, LIBE e DROI

– Cécile Vanderstappen, rete Migreurop.