12 settembre 2013

Immigrati: bloccata nave madre a Catania, 15 arresti

AGI – E’ stata intercettata e bloccata la nave madre che secondo indagini della Dda di Catania gestiva un traffico di immigrati dall’Egitto alla Sicilia. E’ un cargo di 30 metri che unita’ del sistema europeo di controllo Frontex, in particolare della Guardia di finanza e della polizia romena, hanno sorpreso la scorsa notte a 80 miglia dalle coste siciliane mentre ne venivano sbarcati i 199 migrati, in maggioranza Siriani, che sono arrivati nella notte al Porto Grande di Siracusa.

I profughi erano stati trasferiti su un vecchio peschereccio, e con quello avevano proseguito la navigazione verso le coste siracusane fino a quando erano stati raggiunti da motovedette della Guardia costiera e della Guardia di finanza. Sulla nave madre, che aveva base secondo la Procura catanese nel porto di Alessandria d’Egitto, c’erano quindici uomini d’equipaggio che sono stati arrestati. Il cargo e’ stato condotto nel porto di Catania. L’indagine era stata avviata dalla Procura di Catania dopo lo sbarco del 10 agosto scorso sulla spiaggia della Plaia, dov’erano morti annegati sei immigrati.
Il sequestro della nave, in primo di questo genere in Italia, e’ stato effettuato in acque internazionali in applicazione delle Convenzioni internazionali in materia di diritto di Alto Mare e sul crimine transnazionale, riguardanti anche la potesta’ di fermare ed ispezionare una nave priva di nazionalita’ sospettata di essere coinvolta nel traffico di migranti. L’operazione erainiziata nel pomeriggio di ieri a 107 miglia sud di Capo Passero (Siracusa) quando il pattugliatore romeno impiegato nella missione Frontex ha avvistato la nave, carica di persone e con un’unita’ piu’ piccola a rimorchio. Dopo aver assistito a distanza al trasbordo dei 199 profughi sull’imbarcazione trainata, i finanzieri sono intervenuti per soccorrere i migranti e catturare la nave madre che, nel frattempo, aveva invertito la rotta per allontanarsi.
Col supporto di unita’ aeree, i pattugliatori delle forze romene e della Guardia di finanza hanno abbordato in acque internazionali la nave, priva di bandiera, e l’hanno sequestrata su decreto della Dda di Catania. Le indagini proseguono in collaborazione con la Procura della Repubblica di Siracusa. (AGI) .

Print Friendly, PDF & Email