Borderline Sicilia nasce nel 2008 con lo scopo di raccontare l’immigrazione in Sicilia e di promuovere un percorso di memoria attiva su quanto accade tra le due sponde sud del Mediterraneo. Il monitoraggio della situazione dei migranti sul territorio regionale rappresenta la principale attività svolta dall’Associazione. Le informazioni raccolte vengono pubblicate on-line per offrire una narrazione dal basso della migrazione in Sicilia, con particolare attenzione alle prassi messe in atto dagli attori istituzionali e privati relative al soggiorno, all’accoglienza, alla detenzione dei migranti e all’accesso ai servizi sul territorio.

Borderline Sicilia fornisce assistenza legale e sociale, promuove casi giudiziari pilota, e porta avanti un’attività di advocacy e lobbying sia a livello nazionale che europeo.

L’Associazione promuove attività di sensibilizzazione della popolazione locale alle tematiche legate all’immigrazione, nonché di tutela dei diritti e di garanzia delle pari opportunità attraverso pratiche di partecipazione diretta e di auto organizzazione. È impegnata nella promozione di buone prassi a livello regionale e nell’attivazione di reti virtuose fra le realtà siciliane. Promuove e partecipa ad attività di ricerca nell’ambito delle migrazioni in collaborazione con università e organizzazioni non governative.

 

Premi e riconoscimenti

6 dicembre 2014 – XII edizione del Premio nazionale Cultura della Pace – Menzione particolare del Comitato tecnico a Borderline Sicilia per l’attività svolta in favore dei migranti.

5 luglio 2014 – 18° Premio Internazionale Alexander Langer, conferito a Borderline Sicilia, in occasione della manifestazione annuale Euromediterranea (Bolzano – Italia), come soggetto facilitatore nel dialogo fra gli attori istituzionali e privati e creatore di reti locali e nazionali contro il razzismo.

4 luglio 2013 – Premio Diritti Umani, nell’ambito della piattaforma “Diritto di Soggiorno, Rispetto dei Richiedenti asilo e dei Rifugiati e Diritti Umani”, conferito a Borderline Sicilia alla 30° Summer Academy a Schlainingen (Austria), come partner del progetto europeo transnazionale “L’europeizzazione della legge sugli stranieri in Italia, Cipro e Spagna: i Centri di Detenzione alla luce della direttiva rimpatri n. 2008/115/CE (EACEA)”.

Anno 2012 – Nell’ambito del progetto nazionale Le buone pratiche antidiscriminatorie nei confronti delle comunità straniere, promosso dall’UNAR, Borderline Sicilia è stata riconosciuta associazione promotrice di buone prassi in Sicilia nell’ambito dell’inclusione sociale dei soggetti vulnerabili e della creazione di network locali per la lotta contro la discriminazione razziale.